Emozioni distruttive


Quando – Novembre 4, 2022
18:30 – 19:30

Luogo
Palazzo della Cultura


Il testo affronta il tema drammatico del figlicidio, quell’atto apparentemente incomprensibile e irrazionale che talvolta i genitori compiono, e lo analizza partendo dai vissuti emotivi. Come possono le emozioni distruttive prendere il sopravvento sul legame più stretto che unisce gli esseri umani? Come può una madre o un padre giungere ad uccidere un figlio? La storia è piena di atti di violenza perpetrati contro i più piccoli che, pur non avendo alcuna colpa, diventano il bersaglio di condotte che difficilmente trovano una spiegazione nel mondo gestito dalla ragione. Neonaticidio, infanticidio, figlicidio, family mass murder, sono alcune delle varianti di un unico meccanismo che trasforma un’emozione positiva in una distruttiva e incontrollabile. Partendo dalle radici storico-ambientali, passando per i territori ambigui e tortuosi della personalità criminale, vengono analizzate le complesse dinamiche connesse al figlicidio: la violenza intrafamiliare, le sindromi, le dinamiche e le motivazioni legate alle manifestazioni violente. Dalle forme di maltrattamento che assumono aspetti da “patologia sindromica”, nelle quali sono già presenti evoluzioni di storie familiari al limite della psicopatologia, si giunge allo studio delle varie tipologie di condotte figlicide con un’attenzione particolare alle dinamiche psico-comportamentali post-delitto, per concludere con alcuni significativi casi di cronaca nazionale e internazionale.

 

Ne parleranno gli autori Alessandra Zanon, docente di Psicologia generale UNICAS, e Mirco Zurlo, criminologo/psicologo.

Parteciperanno il Rettore Marco dell’Isola, Danilo Grossi Assessore alla Cultura Comune di Cassino e Nando Ferrauti, Dipartimento di Salute Mentale ASL Frosinone.

Modera Roberta Vinciguerra, Ufficio Comunicazione UNICAS.

Evento realizzato in collaborazione con la Libreria Mondadori di Cassino.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *