Luoghi, voci e storie di un carcere


Quando – Settembre 30, 2022
10:00 – 19:00

Luogo
Castello Angioino di Gaeta


l percorso è pensato come un itinerario culturale ibrido e sensoriale all’interno di alcuni tra gli spazi del Castello adibiti a carcere militare fino al 30 giugno 1990, giorno della sua chiusura. Basato su questo doppio binario, è composto da una dimensione visiva e da una sonora, e offre un’esperienza basata sul coinvolgimento diretto dei sensi del visitatore.

Il percorso si apre nella Camerata A con la mostra fotografica Il Castello, di Antonella Di Schino, fotografa di Gaeta già autrice, nel 2020, dell’omonimo volume da cui sono tratte le 27 immagini esposte. Prosegue e si completa, poi, nella Camerata A (secondo piano) e nelle Celle piemontesi, dove ha inizio e si conclude lo storytelling immersivo sulla vita del carcere con il racconto diretto di alcuni testimoni.

Grazie al ricorso alle immagini e al suono, gli ambienti che furono di detenzione e di pena si trasformano in spazi vivi, luoghi di riflessione su un passato e un’esperienza condivisi da tanti abitanti del carcere e sul valore e sul significato delle loro parole come “atti di testimonianza”.

 

UNICAS – Diffusione della Cultura e della Conoscenza – SCIRE (Ivana Bruno)